background-image

Prenotare ora un giro di prova
Prenotare ora direttamente online.

Highlights

Azione leasing
Azioni dei marchi

Tecnologia visionaria e innovazione

Il 29 gennaio 1886, Carl Benz registrò il suo «veicolo dotato di motore a gas» presso l’Ufficio imperiale dei brevetti di invenzione. Die Patentschrift DRP 37435 gilt als Geburtsurkunde des Automobils und prägt für das erste Auto der Welt den Namen "Patent-Motorwagen". In contemporanea a Benz, anche Gottlieb Daimler e Wilhelm Maybach stavano lavorando a dei motori a combustione. I tre possono essere considerati i padri del marchio Mercedes-Benz. Dal 1902 la Daimler-Motoren-Gesellschaft (DMG) è entrata in possesso del nome del marchio Mercedes ufficialmente brevettato. Mercedes era il nome della figlia dell’uomo d'affari Emil Jellinek, che intratteneva rapporti commerciali con l’azienda Daimler e allo stesso tempo lo pseudonimo con cui partecipava alle corse automobilistiche. Nel 1910 le vetture prodotte dalla casa tedesca portavano per la prima volta il tipico logo che le contraddistingue ancora oggi, ovvero la classica stella a tre punte. Nel 1926, le due fabbriche di automobili più antiche al mondo, DMG e Benz & Cie, fondersi per dare vita a Daimler-Benz. Il nuovo marchio «Mercedes-Benz» era nato sotto una «buona stella», la stessa che sulle strade era divenuta sinonimo di qualità, innovazione e sicurezza. Negli anni ‘30, le cosiddette «frecce d’argento», avevano plasmato l’immagine del marchio. In poco tempo, una squadra di specialisti fu in grado di far riscuotere al marchio diversi successi in Formula 1. La scuderia vinse il campionato dei costruttori dal 2014 al 2017 e riuscì contemporaneamente a scalare la classifica piloti fino a giungere alla vetta grazie a Lewis Hamilton e Nico Rosberg. Dietro a tali successi si cela l’azienda figlia fondata nel 1967, ovvero AMG, la quale è riuscita a trasferire l’esperienza accumulata lavorando alle auto da corsa sulle auto da strada dalle elevate prestazioni. Anche la 300 SL del 1954 ha scritto la storia in quanto prima vettura prodotta in serie ad avere le portiere ad ala di gabbiano e dove SL sta per «superleggera». Ad oggi la multinazionale con sede a Stoccarda è considerata una delle principali case automobilistiche del segmento alto e della categoria di veicoli di lusso.

Un modello di successo

Mercedes-Benz GLA

Con la seconda generazione GLA, Mercedes-Benz completa la sua famiglia di compatte. Il SUV dal disegno sportivo e massiccio, cresciuto di 10 cm rispetto al suo predecessore, ha un aspetto più maturo ed è un vero gioiello tecnologico che garantisce più divertimento e sicurezza.

Un prodigio dello spazio dalle dimensioni compatte

Mercedes-Benz GLB

Col nuovo Mercedes GLB, la casa automobilistica di Stoccarda, colma la lacuna tra il GLA, il SUV più piccolo, e il GLC, quello più grande. Esteticamente si ispira al nuovo fiore all’occhiello dei SUV ovvero al GLS, ma stilisticamente riprende degli elementi del primo SUV di questa categoria, il GLK.

Tensione stellata

Mercedes-Benz EQC

Benvenuti nel club: anche Mercedes-Benz presenta un’auto completamente elettrica. L’elettrica sveva ha un’autonomia che arriva fino a 450 km.

Mercedes-Benz GLA: consumo misto 7,1 (equiv. benzina 8,0)-8,5 l/100 km, emissioni di CO2 162-192 g/km più 30-43 g/km da alimentazione carburante, categoria di efficienza energetica B–E
Mercedes-Benz GLB: consumo misto 5,2(equiv. benzina 5,9)–6,4 l/100 km, emissioni di CO2 136–147 g/km più 23–34 g/km da alimentazione carburante, categoria di efficienza energetica D/F
Mercedes-Benz EQC: consumo misto 21,4 kWh(equiv. benzina 2,4 l)/100 km, emissioni di CO2 0 g/km più 30 g/km da fornitura elettrica, categoria di efficienza energetica A